lunedì 24 marzo 2014

Vitamine e non solo: le proprietà del kiwi



Vitamine e dintorni: la salute passa dall’alimentazionee la frutta frescagioca un ruolo fondamentale. Oggi vorrei parlarvi delkiwi, famoso per il suo alto contenuto di vitamine A, C edE. In realtà di recente è diventato un vero protagonista nel campo dellaprevenzionemedica, grazie ad alcune ricerche scientifiche: avete presente il motto “una mela al giorno leva il medico di torno”? Ebbene secondo uno studio pubblicato sulla rivista Optalmology, 3 kiwi al giorno possono di sicuro allontanare l’oculista! Questa infatti la giusta quantità per contrastare il sopraggiungere della degenerazione maculare, una malattia degli occhi pericolosa e fortemente invalidante. Come?  Grazie alla luteina (che protegge dai raggi nocivi) e alla zeaxantina (sostanza che sembra agire sul potenziamento della vista) che il prezioso frutto contiene.
Più di un kiwi al giorno non riuscite a mangiarlo? Non è un problema, perché la nostra piccola e zuccherina star, in questa dose è in grado di abbassare i trigliceridi del 15%. Anzi, per essere più precisi, secondo alcuni ricercatori dell’Università di Oslo, abbasserebbe il rischio di formazione di depositi e placche nelle arterie: praticamente potrebbe sostituire la tradizionale “aspirinetta” nella prevenzione delle malattie cardiovascolari, evitandone i tradizionali effetti collaterali. Inoltre, il kiwi contiene grandi quantità di folati, importanti in gravidanza, per prevenire anomalie del tubo neurale del feto: non a caso i ginecologi consigliano sempre alle donne incinte l’assunzione diacido folico, quale integrazione all’alimentazione quotidiana. Il kiwi contiene anche una discreta quantità di acido amino arginino, una sostanza dalle capacità vasodilatatrici, utile per combattere alcune forme di impotenza. Infine sono ricchi di fibre (preziose in caso di stipsi) e di sostanze antiossidanti, per combattere l’invecchiamento, anche e soprattutto della pelle. Mai fatta una maschera al kiwi? E’ ora di cominciare.

( testo tratto da www.medicinalive.com )

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per il tuo commento!